Non ci resta che piangere?

Ad inizio marzo sono stati eseguiti lavori di sistemazione di alcuni tratti di marciapiedi in strada del Meisino nel tratto parallelo al corso Casale.
Purtroppo sono rimasti ancora alcuni tratti discretamente ammalorati, in compenso sono stati realizzati gli scivoli nei tratti dove questi mancavano.
Anche di fronte alle case ATC (civici 35 e 37), ma qui siamo di fronte ad una lunga storia, dalla quale si ispira il titolo di questo articolo.

La storia
Nel 2008 con una petizione al Consiglio comunale richiedevamo la realizzazione in Borgata Rosa di marciapiedi dove assenti, in particolare in corso Casale, o dove vi erano particolari problemi, compreso l’altezza dei marciapiedi di fronte alle case ATC.
L’anno dopo vennero sistemati alcuni tratti, mentre altri soprattutto in corso Casale mancano ancora oggi.
Allora a nostro giudizio furono realizzati interventi non essenziali (prontamente documentati) o rifatti marciapiedi non proprio in cattive condizioni, come avevamo avuto modo di segnalare con una lettera del 9 giugno 2009 all’allora  Assessora Sestero e al Presidente della VII Circoscrizione.
Quando chiesi al responsabile del lavori il perché in quel tratto di strada del Meisino di fronte delle case ATC, erano pur stati rifatti i marciapiedi ma non erano stati realizzati gli scivoli, proprio dove alcuni assegnatari in condizione di disabilità erano costretti su carrozzina, mi era stato risposto che le risorse erano finite!
Oltretutto ci trovavamo di fronte a marciapiedi particolarmente alti (circa 30 cm), tanto è che nella segnalazione del 2009 e nelle successive effettuate ogni anno a partire dal 2010 e sino al gennaio di quest’anno, abbiamo sempre illustrato questo punto con l’immagine che vedete (marciapiedi all’altezza dell’asse della ruota di una bicicletta da adulto).
Ovviamente quei tratti di marciapiedi così alti erano impraticabili non solo ai disabili!
Abbiamo anche la sensazione, che questo specifico intervento di superamento delle barriere architettoniche in quel tratto, non fosse stato programmato all’interno dell’intervento, ma che sia stato eseguito solo dopo un nostro intervento nei confronti dell’attuale Presidente della Circoscrizione.
Ovviamente tutto bene, i marciapiedi sono stati abbassati e gli scivoli realizzati, (immagine) ma che vergogna, questo è potuto accadere “solo” dopo 11 anni di segnalazioni, a fronte di un lavoro eseguito malamente nel 2009.  
(B. Morra – marzo 2021)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Marciapiedi-str-Meisino-2009.jpg Ovviamente quei tratti di marciapiedi così alti erano impraticabili non solo ai disabili!
Abbiamo anche la sensazione, che questo specifico intervento di superamento delle barriere architettoniche in quel tratto, non fosse stato programmato all’interno dell’intervento, ma che sia stato eseguito solo dopo un nostro intervento nei confronti dell’attuale Presidente della Circoscrizione.
Ovviamente tutto bene, i marciapiedi sono stati abbassati e gli scivoli realizzati, (immagine) ma che vergogna, questo è potuto accadere “solo” dopo 11 anni di segnalazioni, a fronte di un lavoro eseguito malamente nel 2009.  
(B. Morra – marzo 2021)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *